Aggiornamento a Gennaio 2017

Il 2016 è stato un anno difficile, ma ciò nonostante siamo riusciti comunque a portare avanti le nostre iniziative principali:

  1. Adozione Scolastica comprensiva materiale didattico e mensa, per 112 Alunni della Scuola Primaria S. G. Baptiste di Nanoro (BF).
  2. Sostegno al CREN (Centro di Rieducazione Alimentare per l’Infanzia) di Boussé.
CREN Boussé
Piccoli ospiti del CREN di Boussé
CREN Boussé
Suor Marguerite e gli ospiti del CREN di Boussé

Volevamo anche realizzare un 2° Pozzo di acqua potabile per un villaggio che avevamo visitato a Gennaio 2016 e che si trova in una situazione molto difficile. Purtroppo il nostro Bilancio non ce lo ha permesso ma contiamo di riuscirci al più presto.

Il nostro entusiasmo non è mai venuto meno e continueremo ad impegnarci per fornire un aiuto diretto alla popolazione del Burkina Faso.

Grazie a tutti per il vostro sostegno.

missione 2015/2016 – la scuola

Associazione Rasmata onlus scuola San Giovanni Battista Nanoro - IMG_1348

Abbiamo tenuto una specie di diario del lavoro sulla pagina Facebook dell’Associazione, ora un breve riassunto. Gli obiettivi di questo viaggio erano di versi e tutti importanti.

Prima di tutto abbiamo fatto visita ai nostri studenti, siamo andati a trovarli a scuola e abbiamo a lungo parlato con assemblea dei genitori, insegnanti e preside. Ogni anno il nostro aiuto alla scuola Pubblica S.G. Baptiste si concretizza in diversi modi, sostegno scolastico agli studenti in difficoltà economica, supporto alla mensa scolastica per assicurare almeno un pasto al giorno a tutti, infrastrutture igieniche e sanitarie (nel 2012 abbiamo costruito l’infermeria scolastica). In questa missione abbiamo prima di tutto sostenuto la retta scolastica a circa 182 studenti, e con la raccolta fondi promossa proprio durante la nostra permanenza abbiamo i mezzi per sostenere tutti gli studenti mancanti e la mensa.

Lo faremo da qui a giugno, mano a mano che le diverse necessità verranno a galla. E’ necessario agire attentamente per non sprecare i soldi delle vostre donazioni. Per ogni informazione e dubbio siamo sempre a vostra disposizione.

 

 

 

H2OpenMap

Per il prossimo 2015 saremo impegnati in un progetto ambizioso che, anche a leggere i post precedenti, è nei nostri pensieri già da tempo.

Un bambino beve acqua pulita da un pozzo in Burkina Faso
Un bambino beve acqua pulita da un pozzo in Burkina Faso

Stiamo parlando della realizzazione di un pozzo per l’approvigionamento pubblico di acqua potabile.

Il progetto tuttavia non si limita alla sola trivellazione e costruzione materiale del pozzo ma comprende:

  • La mappatura di tutti i pozzi esistenti in una porzione di territorio prestabilita (grosso modo il territorio di Boulpon).
  • Successivamente realizzeremo una mappainterattiva attraverso la piattaforma OpenStreetMaps
  • Tutti i dati raccolti saranno pubblicati e a disposizione di tutti, così che altre associazioni e/o Organizzazioni di volontariato possano usarli per organizzare le loro attività

L’obiettivo è quello di creare  un metodo di intervento condivisibile e replicabile anche da altri soggetti attivi sul territorio per ottenere in breve tempo una mappa di tutti i pozzi esistenti d’acqua potabile del Burkina Faso e perchè no anche degli altri paesi della zona.

Se sappiamo dove sono i pozzi esistenti, sapremo anche dove mancano!

Il progetto che stiamo realizzando vuole essere il primo “tassello”, il progetto pilota.

Attualmente siamo in campagna di raccolta fondi, noi ci metteremo tutto il nostro impegno, ma abbiamo bisogno del vostro aiuto.

Per maggiori info, visitate anche la pagina web del progetto: www.h2openmap.org

A presto con gli aggiornamenti!

Infermeria scolastica…a che punto siamo?

Nei post precedenti abbiamo dato conto di un progetto in corso. L’infermeria scolastica sta lentamente trasformandosi da idea in concreto progetto. In Burkina Faso si stanno compiendo tutti gli atti formali per poter disporre del terreno su cui edificarla e le autorizzazioni. Il budget necessario alla sua costruzione e messa in opera non è ancora raggiunto, tuttavia  siamo sicuri che per l’inizio lavori saremo pronti. Non abbiamo ancora una data di apertura del cantiere ma ci stiamo preparando per andare in Burkina Faso ed essere presenti fisicamente quando accadrà.

La settimana scorsa abbiamo incontrato Marta Gentili per l’Associazione Mauro Grifoni Forever. Li ringraziamo per il loro importante contributo alla realizzazione dell’Infermeria Scolastica, e siamo lieti che l’Associazione Mauro Grifoni Forever si sia interessata ai problemi della gente del Burkina Faso e abbia deciso di collaborare con noi. Allo stesso modo siamo lieti che un gruppo di dipendenti dell’Azienda Miniconf di Arezzo abbia raccolto fondi per l’acquisto di cibo. Grazie all’Associazione Mauro Grifoni Forever una realtà  del Casentino  fondata da Enrico Grifoni in memoria del figlio,  verrà organizzata una nuova spedizione  nell’ottobre 2012 stavolta di 8/10 persone per continuare il progetto di distribuzione. Alleghiamo il PDF dell’articolo apparso sul Corriere di Arezzo di Giovedì 15 Dicembre 2011 che da notizia di tutto questo:

Burkina Faso Ass.Mauro Grifoni Miniconf

Dall’Africa tuttavia non arrivano buone notizie. Le zone rurali del Burkina Faso vivono di un’agricoltura di sussistenza basata sulla coltivazione del miglio e altri cereali in relazione alle piogge monsoniche di fine estate. Tutto il territorio si trasforma e ogni fazzoletto di terra diventa un campo coltivato. Quando il monsone regala piogge non torrenziali e ben distribuite su di un intervallo di tempo sufficientemente lungo, si riescono a fare due raccolti. In questo caso le scorte alimentari sono appena sufficienti. Quest’anno il monsone è stato scarso e torrenziale permettendo un solo e magro raccolto. Si preannuncia una carestia. In queste condizioni è certo che per molte famiglie povere già ora il cibo scarseggia e sarà impossibile resistere fino all’estate prossima.

Le adozioni scolastiche che sosteniamo includono le spese per la “mensa” allo scopo di assicurare almeno un pasto agli studenti. Le medicazioni gratuite, si preoccupano di prevenire malattie più gravi. Questi due interventi strutturali hanno lo scopo di sostenere la crescita di una popolazione istruita e sana in grado di concorrere attivamente allo sviluppo del proprio paese. A fianco di questi progetti è necessario anche adoperarsi per affrontare la carenza di cibo la dove si presenta, direttamente. Per questo motivo continueremo ad acquistare e distribuire miglio, mais e fagioli.

Bambino che mangia il miglio in Burkina Faso
Bambino che mangia il miglio in Burkina Faso

Siamo perfettamente consapevoli che la distribuzione di cibo non è un aiuto strutturale orientato allo sviluppo del paese, ma Rasmata è una piccola Associazione che non ha la presunzione di risolvere i problemi strutturali dell’Africa ma sappiamo di poter fare qualcosa di piccolo ma concreto per affrontare queste situazioni critiche.

I nostri amici della Toscana ci scrivono …

Riportiamo integralmente e con molto piacere il resoconto degli amici Andrea Fiori e Marta Gentili che, dopo aver visitato il nostro sito, sono andati a Nanoro a portare aiuti “direttamente” alla popolazione burkinabé.

VIAGGIO A NANORO     5-12 NOVEMBRE 2011

 Carissimi Cristina e Filippo ci teniamo veramente a ringraziarvi per averci permesso di rendere il nostro viaggio in Burkina Faso più completo e più vero.

Avevamo paura che, visto il tempo a disposizione solo di 8 giorni, la natura  del progetto legato al  ns viaggio, cioe’ l’allestimento di  una ludoteca  nella Pediatria di Nanoro (bello, importante, ma sicuramente non essenziale, visto il contesto ), di non cogliere tutti gli aspetti più profondi che volevamo legare a questa nostra visita in Burkina Faso uno dei paesi più poveri del mondo .

Grazie a Voi, tutto questo non e’ avvenuto !!!  Aver scoperto  sul sito la Vs associazione RASMATA ONLUS  e ancora di più averci ricevuto a Brescia prima della partenza, ci ha permesso di scoprire l’importanza del vs lavoro in Burkina. Nessuno  pensa di aver cambiato il mondo, ma quando si intraprendono questi viaggi lo si fa’ sperando di portare almeno una goccia nel mare. Pensiamo  di averlo fatto.

Vi ringraziamo veramente per la fiducia  che ci avete dato  e per averci permesso di partecipare al Vs progetto legato alla distribuzione diretta di alimenti presso i villaggi. Come ci avevate detto voi  come ci ha confermato Solange , mentre nel chiamiamolo “centro” di  Nanoro , la situazione pur essendo di povertà e’ più tollerabile, nei villaggi intorno ci sono grandi  problemi legati alla difficoltà di avere risorse a disposizione per mangiare . E’ stato quindi  una vera soddisfazione andar nei villaggi per ben 4 volte a consegnare gli alimenti (mais, miglio e altri cereali ).

La cosa più bella almeno per noi, che in una sola settimana dal ns viaggio a Brescia alla partenza per il Burkina , grazie soprattutto all’impegno di Marta  (aiutata dai suoi familiari e amici del Casentino che sono stati generosissimi) siamo riusciti a raccogliere circa 800 euro che ci hanno permesso di donare circa  26 quintali di alimenti in sacchi da 100 kg. Solange e i suoi familiari sono stati eccezionali nell’accompagnarci e il contatto con gli abitanti dei villaggi (siamo stati vicno a Soum, Desise’ e nelle vicinanze di Nanoro) ci ha veramente colpito. La dignità, la riconoscenza anche per questo piccolo gesto, la serenitài e i sorrisi dei bambini, sono sensazioni bellissime, che ci porteremo a lungo dentro .

Abbiamo avuto modo anche di vedere gli altri vs progetti, vedendo al lavoro di persona le cosidette infermiere di strada, la scuola dove siete “straconosciuti“  (solo per il fatto di essere vostri amici ci hanno portato in tutte la aule presentandoci a tutti i bambini ), dove sorgerà la medicheria un progetto importante in quanto gratuito e che sicuramente, visto le condizioni igieniche, permetterà di evitare ricoveri che essendo a pagamento non tutti si possono permettere, dovuti a infezioni .Speriamo di poter continuare a collaborare con Voi dando un contributo concreto ai Vs progetti .Grazie ancora  per tutto quello che fate con il cuore per questo paese .

Andrea e Marta